Cambiano le abitudini di consumo degli italiani. Codici: è boom di mercatini dell’usato e di discount

Che la crisi si faccia sentire, ormai è cosa nota. Gli italiani hanno difficoltà ad arrivare a fine mese, a mettere nel salvadanaio qualche soldino e non possono fronteggiare economicamente nessun tipo di imprevisto. Così la situazione che si presenta è al quanto tragica: o si ricorre a continui prestiti e pagamenti a rate oppure si rinuncia a qualsiasi extra; dai viaggi ad un bel capo d’abbigliamento firmato. Ma tutto ciò riguarda anche i beni di prima necessità: si cerca di spendere meno anche per la spesa alimentare.
A confermarlo sono i dati dell’indagine svolta da Coldiretti – Swg secondo i quali “il 25 per cento degli italiani ha aumentato nel 2011 la frequenza dei discount mentre, all’opposto, ben il 38 % ha ridotto la propria presenza nei negozi” .
Ma è vero boom anche per i mercatini dell’usato: qui si può trovare davvero di tutto. Dalla vendita di abbigliamento usato per adulti e bambini a quello per sportivi; dal recupero e assemblaggio di materiale usato per creazioni artistiche a dischi in vinile, libri, mobili, elettrodomestici: insomma una specie di grande centro commerciale ma dove l’usato è a far da padrone. La richiesta da parte degli italiani è elevata e diffusa da Nord al Sud ed è ciò che emerge da un’indagine della Camera di Commercio su dati del registro delle imprese al primo trimestre 2010 e 2009. “Il mercato dell’usato nelle regioni italiane vede in pole position la Lombardia con 491 imprese attive seguita da Lazio con 463imprese e la Toscana con 425 imprese. Sempre nell’ambito dell’usato, tra le province con maggiore richiesta ci sono: Roma con l’ 11,2% del totale nazionale del settore usato, seguita da Milano con il 7% e Napoli con il 6%. Tra i settori con più richieste rientrano quello del mobile usato e degli oggetti di antiquariato con il 58,1% , seguito dal settore in crescita dell’abbigliamento ed altri oggetti usati con il 23,7% .
Codici ha evidenziato come il sovraindebitamento delle famiglie si presenta come una piaga sociale e dai dati suddetti si evince come gli italiani, per forza di cose, si sono trovati a cambiare le proprie abitudini per poter vivere in maniera dignitosa. Insomma niente più extra, niente più lusso; ormai la parola d’ordine per le tasche e i portafogli dei consumatori è solo e soltanto ‘risparmio’!
Ufficio stampa Codici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


uno × = 4

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>