Monthly Archives: luglio 2011

ATM, da quale pulpito?

La Regione Lombardia guardi alla trave nel proprio occhio prima di fare scaricabarile sulle altre Istituzioni.
C’e’ da rimanere stupefatti di fronte alle dichiarazioni dell’Assessore Cattaneo in merito alle vicende dell’ATM
Invece di accendere il solito balletto sulle colpe da scaricare, attendiamo ancora dalla Regione risposte sugli sprechi di LeNord (ora Trenord assieme a Trenitalia) che abbiamo denunciato già a Ottobre dell’anno scorso in occasione di un convegno pubblico.
La struttura di Trenord, è piana di società e allo stesso tempo piena di amministratori, gran parte proveniente dai partiti, cosa non vergognosa, ma quando si utilizzano le società per mettere donne e uomini a presidio, vuol dire che qualcosa non va!

UN ALTRO COLPO INFERTO ALLA CRIMINALITA’ DALLA GUARDIA DI FINANZA

Milano: oggi la Guardia di Finanza ha arrestato un cittadino italiano, con le accuse di usura, esercizio abusivo dell’attività finanziaria, trasferimento fraudolento di valori, estorsione, minacce e lesioni. L’uomo era conosciuto nel suo ambiente quotidiano per la disponibilità a concedere prestiti, a volte anche con tassi di interesse fino al 1200% annuo.
La GDF assesta quindi un altro colpo alla criminalità usuraia. Purtroppo, però, la strada per vincere la battaglia è ancora lunga. Si pensi che, dai dati emessi dall’Associazione nazionale dei funzionari di polizia, emerge che a Milano, nel primo semestre del 2010, sono stati commessi circa 138 mila reati (ben 35 ogni 1000 abitanti). Sempre nello stesso anno, a Milano e provincia, sono stati rilevati 20.000 casi di usura e solo 5 di denuncia. A livello nazionale, invece, i casi di usura sono stati, sempre nello stesso anno, circa 625.000.

AUMENTI DEI BIGLIETTI DEI TRASPORTI PUBBLICI MILANESI PARLIAMONE!

Le Associazioni dei consumatori milanesi sono nettamente contrarie a un aumento delle tariffe ATM: ancora una volta un piano di risanamento di un’azienda si scarica sui cittadini milanesi mediante cospicui aumenti del biglietto dei trasporti.
Le responsabilità della precedente Amministrazione comunale, che ha evitato di affrontare il nodo dell’adeguamento tariffario, sono evidenti alle Associazioni dei consumatori, ma non condividiamo l’approccio e il metodo con il quale la nuova Giunta e il Sindaco di Milano hanno deciso di varare un piano finanziario per ATM: nessuna consultazione delle Associazioni dei consumatori ne’ della società civile.
Abbiamo letto, attraverso i quotidiani, delle intenzioni dell’Amministrazione Comunale e ci pare che si tratti di una mera operazione di risanamento e nient’altro.